AMICHEVOLE OROROSA A TRESCORE

Non sia mai che ci accasciamo sul divano di casa nostra sprecando un prezioso sabato pomeriggio: e così  la proposta di una gita alle Terme è stata accolta con grande entusiasmo dai nostri coach Ororosa che già si vedevano in ammollo in qualche vasca, sorseggiando una tisana rigenerante o un beverone super-vitaminico, pronti a sottostare ad una piacevole seduta di massaggio anteprima di un mezzo abbiocco in grado di far dimenticare il divano di cui sopra…aaaaah…il dolce far niente…l’atmosfera giusta, rilassata e silenziosa…quasi irreale. Splendida idea le Terme…

Poi la dura vita del coach si manifesta in tutto il suo “splendore”…ti risvegli dal tuo sogno quando infili la porta del Pala”Terme” e ti ritrovi circondato da una trentina di fanciulle in maglietta e pantaloncini, per niente silenziose, per nulla in meditazione, pronte a scatenare il putiferio con un’infinità  di sfere arancioni assai simili a zucche di Halloween ma decisamente più rumorose.

Ecco che la “gita” si trasforma in un continuo pellegrinare davanti alle proprie panchine da parte dello staff tecnico di entrambe le formazioni Ororosa: così ad occhio e croce hanno fatto più chilometri loro che tutte voi atlete!

Venendo a ciò che si è visto in campo emerge essenzialmente un aspetto: le ragazze devono assimilare le richieste dei propri allenatori (nuovi di zecca per entrambe le squadre) e la tipologia di gioco che essi intendono far assimilare alle proprie atlete. E per quello che riguarda i coach avere pazienza e perseveranza nei confronti delle proprie atlete con la ferma convinzione che il lavoro paga sempre: fondamentale è l’impegno del “gruppo” e dei propri riferimenti, con una crescita nel limite del possibile sicuramente sul punto di vista cestistico ma ancor di più su quello umano.

Una vittoria in più o una in meno ci cambia poco la vita…Un sorriso in più da sapore all’esistenza di tutti noi.

Annunci