U18 OROROSA VS VISCONTO BR

OROROSA TRESCORE – VISCONTI BRIGNANO 39 – 67

Parziali: 10 – 18, 11 – 22, 14 – 11, 4 – 17

Ororosa Trescore: Caironi 2, Frigeni 0, Fossati 2, Servillo 0, Agazzi 3, Cossali 2, Epis 4, Vasini 2,  Poku 11, Zeduri 4, Consonni 9. All. Guerra

Visconti Brignano: Bettinelli 6, Caprioli 11, Toffetti 15, Colombo 9, Tasca 0, Binetti 8, Longaretti 6, De Stefani 1, Bongiorno 0, Conti 11, Legramandi 0. All. Agostinelli.

Derbie casalingo per le U.18 Ororosa; si scende in campo, siamo motivate e concentrate perché vogliamo fare bene e così è stato.

Primo quarto con il botto, iniziamo quella che può essere una bella partita in cui facciamo valere i nostri centimetri e la nostra fisicità, ma le partite durano 40 minuti, non solo 10.

Frenate, forse, dalle ottime percentuali al tiro delle ragazze del Brignano, fatichiamo in difesa e le ospiti ci distaccano con un +19 che permette loro di entrare in campo con più serenità nel terzo quarto. Noi non abbiamo nulla da perdere, anzi, possiamo solo che guadagnare qualcosa da questa situazione.

Rientriamo convinte e con grande, grande voglia di dare il 100%, ed ecco che mostriamo cosa sappiamo fare in difesa concretizzando anche in attacco. Una difesa forte ti fa vincere le partite, una difesa forte ti trasmette entusiasmo, ti permette di superare la metà campo con più tranquillità che si trasforma in convinzione offensiva; ma bisogna tenere il culo basso per quattro quarti, spendere tutto quello che si ha per non concedere penetrazioni e tiri facili e piazzati. Giochiamo egregiamente, soprattutto in fase difensiva, il terzo quarto e infatti termina 14 – 11.

Così come ci siamo accese, ancora una volta ci spegniamo, il quarto quarto è un po’ lo specchio del secondo, non riusciamo a concretizzare in attacco e facciamo fatica in difesa; non ruotiamo nel modo giusto e non ci aiutiamo a vicenda.

Fondamentale è aiutarsi sempre, ognuna deve farsi in quattro per le proprie compagne, ognuna deve portare il proprio alla squadra che sia poco o tanto, ma bisogna sempre portare tutto quello che si ha. La Squadra prima di tutto, prima di se stessi, siamo in 5 in campo e in 13 in panchina, ognuna di quelle persone è li per il bene del gruppo e non può esserci gioco che funzioni se non c’è sostegno da parte di tutte.

 

Per vedere le immagini clicca qui:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...