U20: VITTORIA IN SCIOLTEZZA

 

OROROSA – TEAM FEMMINILE CANTU’  85-27 (47-19)

Parziali: 19-6, 28-13; 27-2,11-6

Ororosa: Cantù 10, Abbiati 6, Maestroni 5, Della Corte 12, Patelli 13, Farina 3, Tall 11, Carrara 5, Luciano 12, Rossini 8. All. Galbuseri/ Stazzonelli

Cantù: Cattaneo 6,Arduini L. 6,Arduini M. 4,Sanchez 2,Volpi 7, Baitieri 3. All. Rossi

Note: Falli commessi 18, falli subiti 13.Tiri liberi 10/16, tiri da 3P.T 3 7/11 ( 3 Patelli,2 Cantù,1 Maestroni,1 Farina .) Rimbalzi 16 (Tall 3, Rossini 3). Palle Recuperate 23 (Luciano 6), palle perse 18 (Abbiati 4).

Partita a senso unico per le Oro contro una rimaneggiata Cantù che si presenta ad Albino con 6 giocatrici.

La fisicità delle ospiti è impressionante ma le Oro trovano ottime percentuali da fuori il 7 su 11 da 3pt è la chiave della partita contro una zona impenetrabile nel pitturato.

Buona gara del gruppo anche in fase difensiva, dove la reattività e la grinta hanno permesso di trasformare recuperi in buone soluzioni di transizione offensiva. Da segnalare l’ottima prova delle  due giovani under 16 Della Corte e Abbiati .

Ora testa alla prossima nel difficile campo di Varese.

Forza Oro!

 

Annunci

“LA PAROLA AI COACH”

Oggi nella rubrica “LA PAROLA AI COACH”  incontriamo: Luca Roncoroni e Francesca Colombi.

D: Ciao coach, qualche domanda veloce! E’ il tuo primo anno con il gruppo dell’U16 regionale di Almenno, stai trovando delle difficoltà?

R: In realtà questa è la mia seconda stagione con il gruppo, pur rinnovato in seguito a qualche abbandono e qualche nuovo innesto. Dopo un primo anno abbastanza “complesso” (eufemismo!) speso a sradicare una lunga serie di cattive abitudini e a gettare le fondamenta per la stagione in corso, posso dire che quest’anno le cose sono notevolmente migliorate! Il gruppo è compatto e lavora molto bene, l’inserimento delle ragazze neo-arrivate è stato facilissimo e in generale la squadra mi sembra pervasa da un sano entusiasmo. Ad ulteriore conferma di questo trend positivo sono già arrivate anche due vittorie in campionato, che nel settore giovanile contano sempre relativamente ma – soprattutto nel caso di un gruppo giovane e mediamente “sotto-età” come il nostro – fanno sempre piacere!

D:Tu sei ancora un giocatore, ti preferisci nei panni di allenatore?

R: Sicuramente il fatto di avere alle spalle una lunga esperienza da giocatore (iniziai all’età di 8 anni) mi aiuta nel comprendere meglio le difficoltà che le ragazze possono incontrare sul campo, essendoci passato a mia volta in prima persona. Certo è molto più difficile “predicare bene”, vista la mia scarsezza da giocatore, e spesso sbaglio per primo le cose che correggo alle mie giocatrici. 😀

D: Dicci almeno tre pregi del tuo nuovo gruppo!

R: Te ne dico ben quattro: la costanza negli allenamenti nonostante tante ragazze non abitino negli stretti dintorno di Almenno, la coesione del gruppo che vedo davvero unito, l’entusiasmo e la voglia di imparare in campo, e soprattutto la ricca copertura con pizze e mangiate varie durante la stagione!

D: Per finire, vogliamo sapere qualcosa su di te, hai qualche sogno nel cassetto?

R: In parallelo agli impegni sul campo amo scrivere: collaboro con diverse webzine e riviste cartacee di critica musicale e cinematografica, ho svolto alcune consulenze per tesi di laurea e nell’estate di quest’anno è uscito il mio primo libro. Si intitola “Hip Pop” (approfitto per farmi un po’ di auto-promozione, dai) e già questa cosa è stata un bel sogno diventato realtà. Il prossimo sogno potrebbe quindi essere un altro libro, perché no?

***    ***    ***

D: Ciao Francesca. Sei alla prima esperienza in un contesto under femminile: dopo quasi tre mesi di allenamenti con il tuo gruppo che considerazioni ti vengono in mente?

R: Beh, sicuramente si tratta un gruppo che sta regalando soddisfazioni sia in campo che fuori e questo lo ritengo importante per una continua crescita. Gli allenamenti sono svolti dalle atlete con impegno; ciascuna ha voglia di migliorarsi e l’aria che si respira in palestra è molto stimolante.

D: Come stai vivendo questa nuova esperienza da assistente in un contesto tutto al femminile?

R: “Tornare” nel contesto tutto-rosa in veste di assistente è stata una grande emozione, soprattutto in un progetto così ambizioso di cui, molti anni fa, ne assaporai (sul campo) la nascita. Con le ragazze ritengo sia nato un buon rapporto che sta prendendo sempre più forma ad ogni allenamento e partita trascorso insieme, sono molto contenta di questo.

D: Francesca tu sei la vice allenatrice di Luca Roncoroni con il quale condividi anche esperienze nel settore maschile: emerge qualche differenza evidente tra i due contesti?

R: Sicuramente, basti pensare alla lontananza delle trasferte 😀 !!!
In realtà, in un contesto di U16 M non ho ancora avuto modo di bazzicare, tuttavia ritengo che le differenze possano essere davvero molte, partendo dal fisiologico sviluppo psico-fisico delle Atlete e degli Atleti, per poi passare all’ambito tecnico prettamente cestistico. Ora che ho a che fare con realtà miste di U13 (e anche più giovani) devo dire che le differenze assolutamente non si vedono, è un amalgama perfetta.

D: Che obiettivi personali ti prefiggi per questa stagione sportiva?

R: Spero di imparare il massimo possibile da Coach Luca e di riuscire a trasmettere alle ragazze tanta grinta e determinazione da portare sul campo.